Search Result

<< Back

Posts containing:

Blog

Moda e Marketing | La strategia di email marketing efficace nella moda

eI fashion brand hanno dimostrato di sapere usare il web marketing in modo efficace e non convenzionale, aumentando l’engagemente mostrando agli utenti i loro contenuti con altre e inedite angolazioni rispetto alla stampa e ai canali di comunicazione tradizionali.

Molti marchi hanno sfruttato al massimo le occasioni offerte dal web marketing grazie a campagne di direct email marketing, capaci di creare un contatto diretto con i clienti, e ottimizzando i servizi e i prodotti da loro proposti.

Un servizio di newsletter di qualità, per iniziare, si traduce in una strategia pensata per coltivare l’immagine del brand ed è, al contempo, uno dei canali più efficaci per segnalare novità di prodotto, sconti e offerte, oltre a essere un importante strumento per generare traffico sul sito e incrementare il giro di affari del brand.

L’email marketing è un mezzo dalle infinite potenzialità, soprattutto se sfruttato in sinergia con altre risorse messe a disposizione dal web.

Scopri quali sono le best practice dell’email marketing nel mondo della moda

La fase preliminare di una strategia di email marketing presuppone di stabilire gli obiettivi del progetto, di avere a disposizione un database ragionato, di creare messaggi elaborati e, in ultimo, di creare una newsletter accattivante e dotata di uno stile coerente e personale.

È importante partire dalla consapevolezza che, con miliardi di email inviate ogni giorno dalle aziende simili alla tua, la concorrenza per catturare l’attenzione del tuo pubblico è molta: perciò bisogna sfruttare al meglio l’email marketing per raggiungere il target desiderato e mantenere costante il suo interesse.

Il punto di partenza dell’email marketing è, senza dubbio, un semplicissimo assunto, ovvero che le persone utilizzano ancora ampiamente la posta elettronica e questo rende l’email marketing lo strumento perfetto per costruire relazioni con i propri clienti e, di conseguenza, generare leads e vendite.

Ma prima di cominciare una campagna di email marketing è necessario avere ben chiare le fondamenta di una strategia efficace; pertanto andiamo ad analizzare questi elementi nel dettaglio:

  • Costruisci una lista di contatti efficace: la base di una strategia marketing di successo non può prescindere da una costruzione sapiente della lista di contatti…in assenza di un database efficace e ragionato, ogni altro sforzo risulta vano! Il modo migliore per averne una tailor made è mettere in pratica le operazioni di lead generation per creare liste personali e sottoporre il tutto a un controllo cadenzato, con il fine di eliminare i contatti sbagliati o inattivi.
  • Crea una comunicazione personale e personalizzata - Ecco perchè il database con gli indirizzi deve essere selezionato con cura e soprattutto personalizzato: chi riceve la mail su un tema che non gli interessa, difficilmente apre il messaggio! La parola d’ordine è personalità e personalizzazione: questo significa che bisogna segmentare gli utenti in modo che ogni messaggio sia modulato sulla base del cliente al quale si vuole comunicare, tenendo presenti i suoi bisogni e i suoi comportamenti di acquisto.
  • Definisci i tuoi obiettivi - Se l’obiettivo della comunicazione è quello di incrementare le vendite o di intercettare l’interesse di chi ancora non ha effettuato un acquisto, ogni newsletter deve contenere un chiaro messaggio commerciale - l’arrivo della nuova collezione o la segnalazione di vendite promozionali o la possibilità di usufruire di sconti speciali, per esempio. Gli obiettivi tipici di una campagna di email marketing sono normalmente: aumento delle vendite sull’e-commerce, engagement, traffic in store, fidelizzazione e branding e non possono prescindere da una welcome mail che mostri in maniera panoramica l’attività del tuo ecommerce, dalla razionalizzazione della content strategy, da un’attività di fidelizzazione dei clienti, da un interesse verso i clienti dormienti, il tutto partendo da una segmentizzazione del target clienti per fare in modo che le comunicazioni siano sempre il più possibile mirate. 
  • Comprendi i diversi tipi di email da mandare: sembra banale ma è importante essere consapevoli del tipo di email che si vuole mandare che, tendenzialmente, rispecchia tre tipologie differenti ovvero: mail promozionali -che contengono promozioni e offerte; - mail relazionali, come quelle che contengono una newsletter e danno informazioni e, in ultimo, mail transazionali che contengono le conferme di iscrizioni, welcome mail, conferme di ordini e acquisti, ringraziamenti etc e che si solito sono attivate dalle azioni che i clienti compiono sul sito.
  • Conosci il tuo pubblico: se già utilizzi l’email marketing, saprai bene chi è la tua audience; al contrario, se ti stai avvicinando a questo strumento, devi solo fare un minimo di sforzo in più per raccogliere le informazioni che ti servono sul tuo potenziale cliente fin dall’invio della prima mail, per avere a disposizione i dati che ti servono e sui quali lavorare. Nel frattempo puoi sempre utilizzare la raccolta dati attraverso Google Analytics e i tuoi profili social, per esempio usando i dati di Facebook Insights: entrambi i sistemi sono ottimi per fornire indicazioni su demografia, posizione e interessi dando un’istantanea dei tuoi clienti e dei loro interessi.
  • Usa saggiamente la tecnologia: i migliori servizi di email marketing possiedono ottimi strumenti per aiutarti a creare campagne email il più efficaci possibili attraverso, per esempio, la creazioni e l’automatizzazione di campagne, l’integrazione con altri software – quelli, per esempio, che consentono una segmentizzazione del proprio pubblico; l’analisi delle prestazioni delle tue campagne email; la presenza di automazioni che consentono, per esempio, di pianificare mail, integrare i contenuti dei social media, rispondere velocemente ai clienti, inviare email promozionali…
  • Pianifica email e follow-up: una volta che i punti sopra sono stati definiti, è il momento di pianificare la tua campagna di email marketing, che non prescinde dalla frequenza di invio delle mail, dal tipo di email, dal loro contenuto e dalla loro finalità principale. Il tutto deve seguire una calendarizzazione ragionata per evitare di sommergere i clienti di email e rischiare di diventare spam: chiedi pertanto sempre quale sia l’esigenza del tuo cliente offrendo diverse opzioni di invio.

email-send-ss-1920.jpg

Una volta definiti questi dettagli puoi cominciare a scrivere il tuo messaggio:

  • Crea l’oggetto del messaggio: inutile dirlo, questo ha un ruolo cruciale per spingere le persone ad aprire la tua email quindi, allo stesso modo del titolo di un articolo o di un libro, deve attirare l’attenzione dell’utente e invogliarlo a proseguire con la lettura. L’importante è non usare mai troppe parole: non solo per una questione di immediatezza, ma anche per lo spazio ridotto presente sullo schermo degli smartphone – gli strumenti più utilizzati per leggere le mail. Ti suggeriamo di sintetizzare quanto gli utenti troveranno una volta aperta la mail e di evitare termini e parole che rischierebbero di fare finire il tuo messaggio nello spam!
  • Scrivi i contenuti: i contenuti del messaggio devono essere in linea con la comunicazione e gli obiettivi che si desiderano perseguire. Possono essere trattati differenti temi, tutti fashion oriented nel caso di un brand moda, in grado di suscitare l’interesse del lettore: reportage delle passerelle e influenze stilistiche del passato; consigli di stile e must have delle nuove collezioni… Il tutto deve servire ad attirare l’interesse del lettore e a spingerlo a continuare nella lettura del messaggio. Ricorda, poi, di chiamare sempre per nome i clienti dato che le mail personalizzate sono le più efficaci; se potessi inviare le mail diversificandole a seconda delle necessità dell’utente sarebbe anche meglio! Considera poi di non dimenticare mai il lato empatico nello stile del messaggio da inviare puntando sulla creazione di una connessione emotiva con l’utente e dando valore aggiunto all’esperienza che verrà fatta con l’acquisto e che ne aumenterà il beneficio. Punta poi, anche in questo caso, a un messaggio breve.
  • Includi una call to action: invita i clienti a interagire in prima persona sul – e con il – tuo sito e in differenti maniere: puoi chiedere di cliccare su un link, di compilare un sondaggio, di effettuare un acquisto scontato…
  • Definisci il layout della email – ricorda che la grafica deve rispecchiare il dna del brand, quindi tieni sempre presente di non sovraccaricare il layout rendendolo troppo appariscente, con caratteri grandi e troppe immagini. Mantieni il layout essenziale e pulito, semplice da navigare; non dimenticare che la maggior parte delle email viene letta da dispositivi mobili e quindi lo spazio a disposizione viene necessariamente ridimensionato.
  • Fai A/B test: questo è un ottimo sistema per migliorare nel tempo e non solo, grazie a una pratica non semplicissima ma garanzia di miglioramento dei risultati. È una cosa molto semplice: se sei indeciso su due soluzioni da usare- per esempio, tra due frasi da utilizzare nell’oggetto della mail – puoi condurre un A/B test inviando a metà lista di contatti una versione e all’altra metà la seconda versione, per vedere quale sia la più efficace. Facendo dei test – e monitorando i risultati – puoi perfezionare i tuoi modelli e capire quale formula, in questo caso, funzioni meglio. Naturalmente ci sono versioni molto sofisticate di A/B test ma ciò che è importante sottolineare è che test e monitoraggio sono sempre essenziali.

Una strategia di email marketing si rivela efficace quando il cliente che riceve la newsletter ne legge i contenuti e raggiunge l’obiettivo che ti eri prefissato, che si trattassi di un acquisto in store o sull’e-commerce o di comunicargli una novità o nuovo prodotto.

L’importante è non dimenticare che la mail è uno strumento basilare per la strategia di marketing di un brand ma che deve essere supportato da una serie di dettagli e di attività da pianificare con attenzione. Più le diverse azioni sono portate avanti con cura, maggiori sono le probabilità di mantenere o aumentare l’attenzione delle persone che ti hanno concesso un canale diretto di comunicazione.

Per saperne di più chiedi a noi di Babotel. 

New Call-to-action