Search Result

<< Back

Posts containing:

Blog

Web Design

Mobile First: come progettare un sito web

Nessuno nel campo del web design aveva mai pensato di dover presentare il proprio sito internet in modo diverso a seconda della risoluzione con cui un utente lo può guardare.

Oggi con l’avvento del mobile le cose sono un po’ cambiate. Chiunque voglia costruire un nuovo sito si deve porre questo problema.

Quali sono state le soluzioni prese in considerazione negli ultimi anni?

Le soluzioni principali sono due, ovvero, costruire una versione mobile del proprio sito web, cioè assolutamente indipendente da quella desktop oppure cercare di adattarlo per essere visto facilmente su schermi più piccoli.

Entrambe le soluzioni quindi prevedono lo sviluppo del sito internet, nella maniera tradizionale, e solo in un secondo momento la realizzazione della sua versione mobile.

Il rischio più grande in cui si può ricadere è quello di voler incastrare tutti i contenuti in uno schermo che può essere anche molto piccolo.

Ecco che si inizia a parlare di Mobile First, ovvero stravolgere questa prospettiva e di fatto pensare prima alla versione mobile per poi “allargare” alla versione desktop aggiungendo grafiche e maggiori contenuti solo in un secondo momento.

Quali sono i vantaggi di questa soluzione?

Innanzitutto è un modo per strutturare meglio il proprio lavoro. Bisogna capire cosa è veramente importante per i nostri utenti mobile considerando che possono essere penalizzati non solo da una dimensione dello schermo inferiore ma anche da una bassa connettività.

Quello che veramente importa agli utenti è il raggiungere le informazioni nel minor tempo possibile. Inutile quindi pensare al singolo pixel e dove posizionarlo. Il focus si sposta così sulla fruizione dei contenuti e sulla loro conversion che poi è quello a cui qualunque sito dovrebbe puntare.

Il design è minimalista e l’interfaccia grafica deve essere legata all’interazione dell’utente attraverso l’uso di animazioni e effetti molto innovativi che spesso non si possono poi replicare nella versione desktop per la scarsa compatibilità con i vecchi browser o semplicemente, come nel caso degli eventi legati al touch, perché non ripetibili in un ambiente di questo tipo.

Una volta terminata la progettazione della versione mobile del sito si utilizza una tecnica che prende il nome di Responsive Design per ottenere la versione desktop. Questa tecnica prevede l’utilizzo delle nuove tecnologie html 5 e css 3 e permette di mostrare o nascondere blocchi di contenuto a seconda delle dimensioni dello schermo con cui l’utente sta visualizzando il sito.

Per concludere

Nel momento in cui, al giorno d’oggi, si pensa ad un nuovo sito internet è impossibile non pensare alla sua versione mobile.

Quello che conviene fare, e quello che sembra essere il trend del momento è appunto pensare prima alla sua versione semplificata e minimal per poi andare ad “allargare” e inserire tutto quello che è sì utile ma non indispensabile.

ricevi una consulenza gratuita

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO